Leggi argomento - basterebbe...

Oggi è sab nov 18, 2017 2:07 pm

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 37 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: basterebbe...
MessaggioInviato: gio nov 25, 2004 1:03 am 
poco.. davvero poco. creare lavoro? basterebbe defiscalizzare il meridione per incentivare le aziende ad investire. Non ci credo che ancora non abbia pensato nessuno ad una soluzione del genere, è una cosa banalissima anche da attuare.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven nov 26, 2004 8:33 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni
Avatar utente

Iscritto il: ven set 24, 2004 12:14 am
Messaggi: 343
Località: Locri
Non credo che poi sia così facile come tu dica...
Se davvero lo fosse...a quest'ora penso che lo avrebbero fatto indipendentemente dal partito o dal colore politico!!!
zaleukos :D

_________________
:-) :-) :-) No VIGILI??? No Party... :-) :-) :-)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab nov 27, 2004 12:16 am 
Non connesso
Gran Pisciaturellu
Avatar utente

Iscritto il: gio set 23, 2004 1:07 am
Messaggi: 663
Località: Locri - Milano
beh forse semplicemente nn ci hanno pensato!

anche l'adsl era una cazzata da inventare...xrò nn ci aveva pensato nessuno!

_________________
I LOVE LOCRI ma nescia a Milanu! mannaia!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun nov 29, 2004 4:17 am 
zaleukos ha scritto:
Non credo che poi sia così facile come tu dica...
Se davvero lo fosse...a quest'ora penso che lo avrebbero fatto indipendentemente dal partito o dal colore politico!!!
zaleukos :D



si invece.. cosa ci sarebbe di complicato nel diminuire le imposte alle aziende che decidono di utilizzare forza lavoro al sud? basterebbe un accordo tra comune provincia regione e stato.. tagliare tutti del 50% le ritenute fiscali di qualsiasi tipo su ogni azienza. Costo totale della cosa? un paio di migliaia di euro.. si tratta solo di fare i calcoli in modo diverso. sai invece quanto costerà l'attuazione della devolution? centinaia di milioni di euro. Non l'ha fatto nessuno e non lo farà nessuno, semplicemente perchè a "loro" sta bene così. Anche ai nostri amministratori locali.. la macchina ce l'hanno la corsia preferenziale pure, autista, bello stipendio.. sono pagatti per aprire la bocca e stare seduti su comode poltrone di pelle. Naturalmente Tutti. E naturalmente da noi.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun nov 29, 2004 7:05 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni
Avatar utente

Iscritto il: ven set 24, 2004 12:14 am
Messaggi: 343
Località: Locri
Beh...io non m'intendo di economia...e ad esserti sincero non sono proprio persuaso dalle parole che riporti tu!anzi...
Cmq se hai così sicurezza...esponi le cose in maniera piu chiara, con dati alla mano...e magari proponi qlks...se hai scritto questo topic solo per scrivere tanto per dire qlks e poi non fare niente...vuol dire che come i politici, questa situazione sta bene anke a te... :D
zaleukos :D

_________________
:-) :-) :-) No VIGILI??? No Party... :-) :-) :-)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: ..........
MessaggioInviato: mer dic 01, 2004 5:31 pm 
Non connesso
Fondatore Associazione
Avatar utente

Iscritto il: gio ago 12, 2004 4:20 pm
Messaggi: 156
Località: Locri,London, Lo que quiero
Si mi fannu primu ministro mentu a tia comu ministru pell'economia m4ud.....

_________________
Push da batton-Pino Zangara


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer dic 01, 2004 7:05 pm 
ok.. cercherò di approfondire la cosa ma avrò bisogno di tempo.. e soprattutto che l'adsl mi funzioni.. visto che per ora vado a 3 Kb/s da 2 settimane. a parte questo.. non riesco più ad effettuare il login non mi viene accettata la pass :?:


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio dic 02, 2004 1:54 pm 
Non connesso
Vici-Presidenti
Vici-Presidenti
Avatar utente

Iscritto il: lun set 06, 2004 4:13 pm
Messaggi: 2380
Località: Moschetta di Locri RC
non è poco se teniamo conto che lo stato con le imposte si finazia e con stato intendo anche regioni e comuni,nora al di la di quello che si pensa sulle tasse che non mi interessa, toglierle vuol dire farci del male, per diverse ragioni. abbassarle è una cosa diversa, ed ancora diverso, e più utile, è dare incentivi piuttosto che defiscalizzare una zona abbastanza ampia di italia quale il sud. ciodetto per alcuni casi particolari ed isolati potrebba anche essere una situazione, naturalmente attuata scondo criteri molto specifici e mai generalizzando e per un periodo limitato,futuribile. dico questo perche è facile dire defiscalizziamo, ma bisogna prima riuscire a prevedere quali sono i possibili scenari che questa(ma qualsiasi scelta) "inizativa" comporterebbe. questo perche quando si parla di economia non si parla solo di numeri da far quadrare in un bilancio, ma anche e soprattutto di gente che deve vivere e mangiare e crescere figli e quantaltro oggi e inteso e ricompreso nel concetto di vita dignitosa. cio detto, la defiscalizazione potrebbe anche portare con se uno livello di vita che potrebbe non piacerci, come potrebbe essere ll'uovo di colombo, ma non lo si può dire con uno studio, perche l'economia non è una "scienza" che la si può verificare in laboratorio, e che quindi non da risultati certi e perfettamente riproducibili. quindi quando dico una cosa del genere devo sapere quello che dico. comunque a me l'idea sembra avere delle possibili applicazioni, seppur con molte accortezze, ma gradirei degliincentivi,ripeto,che credo esistano gia, ma che nessuno di noi conosce.

_________________


Il mondo si cambia 10 minuti al giorno. 6 miliardi di persone, gli abitanti del globo terracqueo, che dedicano a questo scopo giustappunto 10 minuti al giorno, dal 1 gennaio al 31 dicembre sommano un monte orario di 365 miliardi di ore all'anno.



Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio dic 02, 2004 10:25 pm 
Non connesso
Membro Direttivo
Membro Direttivo

Iscritto il: ven ago 13, 2004 2:39 am
Messaggi: 4247
beh ma nessuno oltre a conoscerli non va ad informarsi evidentemente quindi se uno non si informa non è sbagliato pensare che ci sia disinteresse no?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven dic 03, 2004 7:10 pm 
zaleukos ha scritto:
Beh...io non m'intendo di economia...e ad esserti sincero non sono proprio persuaso dalle parole che riporti tu!anzi...
Cmq se hai così sicurezza...esponi le cose in maniera piu chiara, con dati alla mano...e magari proponi qlks...se hai scritto questo topic solo per scrivere tanto per dire qlks e poi non fare niente...vuol dire che come i politici, questa situazione sta bene anke a te... :D
zaleukos :D



zaleukos però vorrei chiarire una cosa, che a me stia o non stia bene la situazione ha poca importanza; per certi versi potrei anche fregarmene perchè io non sono stato chiamato da nessuno a rappresentare nessuno, mentre il fatto che comunque abbia postato almeno "un'idea" giusta o sbagliata che sia dovrebbe dimostrare il contrario. C'è gente che dovrebbe farlo per professione ed è pagata per studiare nei dettagli la fattibilità di proposte come la mia.. a me non me ne torna niente, solo il tempo perso a cercare dati e ad elaborare il tutto.
Saluti


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven dic 03, 2004 7:35 pm 
Verumanueli ha scritto:
non è poco se teniamo conto che lo stato con le imposte si finazia e con stato intendo anche regioni e comuni,nora al di la di quello che si pensa sulle tasse che non mi interessa, toglierle vuol dire farci del male, per diverse ragioni. abbassarle è una cosa diversa, ed ancora diverso, e più utile, è dare incentivi piuttosto che defiscalizzare una zona abbastanza ampia di italia quale il sud. ciodetto per alcuni casi particolari ed isolati potrebba anche essere una situazione, naturalmente attuata scondo criteri molto specifici e mai generalizzando e per un periodo limitato,futuribile. dico questo perche è facile dire defiscalizziamo, ma bisogna prima riuscire a prevedere quali sono i possibili scenari che questa(ma qualsiasi scelta) "inizativa" comporterebbe. questo perche quando si parla di economia non si parla solo di numeri da far quadrare in un bilancio, ma anche e soprattutto di gente che deve vivere e mangiare e crescere figli e quantaltro oggi e inteso e ricompreso nel concetto di vita dignitosa. cio detto, la defiscalizazione potrebbe anche portare con se uno livello di vita che potrebbe non piacerci, come potrebbe essere ll'uovo di colombo, ma non lo si può dire con uno studio, perche l'economia non è una "scienza" che la si può verificare in laboratorio, e che quindi non da risultati certi e perfettamente riproducibili. quindi quando dico una cosa del genere devo sapere quello che dico. comunque a me l'idea sembra avere delle possibili applicazioni, seppur con molte accortezze, ma gradirei degliincentivi,ripeto,che credo esistano gia, ma che nessuno di noi conosce.



A livello teorico funzionerebbe così: meglio prendere 50 da una nuova azienza che 0 per il fatto che di aziende non ce ne stanno. L'unico limite potrebbe essere il seguente: Se io (stato) stabilisco che tutte le nuove aziende che decidono di investire nel meridione godranno da quì a 30 anni di un regime fiscale ridotto, come mi comporto con quelle invece che già ci sono? Faccio rientrare anche loro oppure no? Il primo caso.. che sarebbe il più logico, è anche il più complesso e presenta qualche rischio, cioè effettivamente in questo caso le spese dello stato aumenterebbero (o meglio allo stato entrerebbe in 50% in meno di quanto invece tratteneva in precedenza sulle stesse aziende con il fisco) e così sarebbe almeno fino a quando il numero delle nuove aziende non sarebbe in grado di colmare il gap degli introiti fiscali delle vecchie. Una volta raggiunto l’equilibrio si avrebbe la seguente situazione: (stessi introiti fiscali per lo stato del periodo precedente alla riforma ma maggiore presenza di aziende nel sud italia che significa nuovi posti di lavoro e maggiore ricchezza.). L'economia non è una scienza esatta solo per il fatto che i matematici l'hanno sempre snobbata. Gli incentivi ci sono.. ce ne sono di tutti i tipi.. ma il problema è la crisi generale dell'industria nei paesi con un certo livello di sviluppo rispetto ai paesi emergenti. Queste sono le leggi del mercato. Se in Cina la manodopera mi costa 5 e l'energia necessaria a creare lavoro 5 mentre in Italia l'energia mi costa 30 e la manodopera 50 è logico che non ci penso due volte e vado ad investire in Cina. Se io (stato) rinuncio ad una parte dei miei introiti derivanti dalla pressione fiscale fermo restando che il prezzo dell'energia continua ad essere 30 e la manodopera 50 ciò contribuisce ad ammortizzare i costi di una politica scellerata in campo energetico e di 50 anni di lotte sindacali, un’azienda diminuisce sensibilmente i costi di produzione e i suoi prodotti ne risultano più competitivi sul mercato; in questo modo si contribuisce a rendere più competitivo il meridione rispetto al resto d'italia. Naturalmente non arriverebbe la Nike a costruire scarpe, ormai il furuto dei paesi già industrializzati non è ulteriore sviluppo industriale... bensì ricerca, qualità e servizi.
Perchè gli incentivi secondo me non funzionano? Perchè intervengono solo nella fase preliminare di attuazione del progetto e poi ciao.. ti do TOT per farti iniziare ma poi te la devi vedere tu.. e in più mi devi restituire una parte dei soldi, a condizioni agevolate si.. ma li rivoglio indietro.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven dic 03, 2004 9:28 pm 
Non connesso
Vici-Presidenti
Vici-Presidenti
Avatar utente

Iscritto il: lun set 06, 2004 4:13 pm
Messaggi: 2380
Località: Moschetta di Locri RC
no non funziona cosi, trentanni sono una enormita io parlavo diperiodi limitati ma in ordine di grandezza di mesi, non di decenni!
per un semplice motivo, e cioè che se noi poniamo queste agevolazioni così lunghe le aziende si abituano a quel regime e non saranno in grado di essere competitive una volta che le imposte vengono messe, quindi come sono proliferate cosi cadrebbero una dietro l'altra, e in italia abbiamo il caso fiat che ha sempre avuto le coccole dello stato e appena non ci sono state più ha avuto la crisi. se le inprese invece si sviluppano in condizioni più difficili invece potranno essere più forti e di conseguenza competitive. la cina che un nostro concorrente diretto, può permettersi certi livelli perchè sfruttano un cambio favorevole e sopraattutto i lavoratori, difatti li sono in una fase in cui essi non hanno nessun tipo di istituzione pro lavoro che possa essere paragonata alle nostre.se poi vuoi che anche al sud siamo sfruttati bastava dirlo, cosi la manodopera costera meno. ti diro di più visto che costa meno li dovremmo investire di più cosi le nostre imprese italiane sfutterebbero un vasto mercato e avremmo più risorse, dato che i profitti sarebbero di italiani e sarebbero conteggiati nel nostro pil il motivo per cui tu dici che gli incentivi non funzionano è proprio il motivo per la quale invece sono preferibili. anche se la impresa non parte c'è stata lo stesso una iniezione di denaro che porterà qualche frutto. infine se però nessuno ha la voglia di investire in una qualunque attività e preferisce tenersi i soldi per qualunque motivo lo volgia fare, non ci sono incentivi ne tagli fiscali che resistano.
dimenticavo, l'economianon è una scienza esatta perche parla di comportamenti umani, parlla se non credi a me con uno psicologo o un sociologo che si occuppano di comportamenti umani e vedi se loro ti dicono che è una scienza esatta, la loro, o meno. lo stesso vale per l'economia.

_________________


Il mondo si cambia 10 minuti al giorno. 6 miliardi di persone, gli abitanti del globo terracqueo, che dedicano a questo scopo giustappunto 10 minuti al giorno, dal 1 gennaio al 31 dicembre sommano un monte orario di 365 miliardi di ore all'anno.



Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab dic 04, 2004 4:35 am 
Verumanueli ha scritto:
no non funziona cosi, trentanni sono una enormita io parlavo diperiodi limitati ma in ordine di grandezza di mesi, non di decenni!
per un semplice motivo, e cioè che se noi poniamo queste agevolazioni così lunghe le aziende si abituano a quel regime e non saranno in grado di essere competitive una volta che le imposte vengono messe, quindi come sono proliferate cosi cadrebbero una dietro l'altra, e in italia abbiamo il caso fiat che ha sempre avuto le coccole dello stato e appena non ci sono state più ha avuto la crisi. se le inprese invece si sviluppano in condizioni più difficili invece potranno essere più forti e di conseguenza competitive. la cina che un nostro concorrente diretto, può permettersi certi livelli perchè sfruttano un cambio favorevole e sopraattutto i lavoratori, difatti li sono in una fase in cui essi non hanno nessun tipo di istituzione pro lavoro che possa essere paragonata alle nostre.se poi vuoi che anche al sud siamo sfruttati bastava dirlo, cosi la manodopera costera meno. ti diro di più visto che costa meno li dovremmo investire di più cosi le nostre imprese italiane sfutterebbero un vasto mercato e avremmo più risorse, dato che i profitti sarebbero di italiani e sarebbero conteggiati nel nostro pil il motivo per cui tu dici che gli incentivi non funzionano è proprio il motivo per la quale invece sono preferibili. anche se la impresa non parte c'è stata lo stesso una iniezione di denaro che porterà qualche frutto. infine se però nessuno ha la voglia di investire in una qualunque attività e preferisce tenersi i soldi per qualunque motivo lo volgia fare, non ci sono incentivi ne tagli fiscali che resistano.
dimenticavo, l'economianon è una scienza esatta perche parla di comportamenti umani, parlla se non credi a me con uno psicologo o un sociologo che si occuppano di comportamenti umani e vedi se loro ti dicono che è una scienza esatta, la loro, o meno. lo stesso vale per l'economia.



Il problema è che le aziende non possono essere competitive neanche adesso per i motivi di cui ti ho parlato prima.. l'energia e la forza lavoro costano troppo. Se il problema dell'energia è dovuto a scelte sbagliate (vedi referendum) su cui si potrebbe intervenire ( se a qualcuno interessa è attivo un newsgroop di discussioni da me proposto it-alt.discussioni.energia-nucleare) per quanto riguarda i turni le retribuzioni e tutto il resto degli operai non si può e non si deve tornare indietro. In cina c'è un regime comunista totalitario e amen.. diritti zero.. però questo significa che presto tutte le industrie si trasferiranno li. Non devi confondere la ritenute fiscali con gli aiuti statali, non centrano niente.. oltretutto ormai siamo in europa e come stabiliscono direttive europee aiuti statali non sarebbero ammessi; dico sarebbero perchè poi invece ci sono (vedi parmalat e alitalia) purtroppo.
Allora cosa può fare lo stato per aumentare la competitività delle imprese e quindi aumentare il suo PIL? se il lavoro non si tocca.. se l'elettricità costa cara e non si può abbassare il prezzo.. cosa rimane? le tasse.
Non so se mi sono spiegato bene.. però il concetto è semplice.
Come si può fare per incentivare aziende ad investire al sud? se il lavoro costa tanto al nord quanto al sud, se l'elettricità costa tanto al nord quanto al sud e se su queste due variabili non si può intervenire.. cosa rimane? Le tasse. Dimiuire la pressione fiscale al sud. se io sono una nuova azienda.. mi chiedo: "dove mi conviene investire? in lombardia dove pagherò 100 di tasse allo stato in un anno? oppure in calabria dove pagherò 50?


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab dic 04, 2004 11:20 am 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni
Avatar utente

Iscritto il: ven set 24, 2004 12:14 am
Messaggi: 343
Località: Locri
}M4Ud|t{ ha scritto:

zaleukos però vorrei chiarire una cosa, che a me stia o non stia bene la situazione ha poca importanza; per certi versi potrei anche fregarmene perchè io non sono stato chiamato da nessuno a rappresentare nessuno, mentre il fatto che comunque abbia postato almeno "un'idea" giusta o sbagliata che sia dovrebbe dimostrare il contrario. C'è gente che dovrebbe farlo per professione ed è pagata per studiare nei dettagli la fattibilità di proposte come la mia.. a me non me ne torna niente, solo il tempo perso a cercare dati e ad elaborare il tutto.
Saluti


Beh...siamo tutti a bravi a fare idee...ad attuarle poi guardacaso non c'è nessuno...
Cmq credo che hai un po freinteso le mie parole...
zaleukos :D

_________________
:-) :-) :-) No VIGILI??? No Party... :-) :-) :-)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab dic 04, 2004 11:47 am 
Non connesso
Fondatore Associazione
Avatar utente

Iscritto il: mar ago 10, 2004 2:27 am
Messaggi: 2595
Località: Reggio, Locri, Cosenza e a volte Roma, ma sempi supa a nu trenu!
Io le industrie al Sud,quanto meno in calabria non è che le sogni più di tanto...abbiato tante altre ricchezze molto più redditizie e sicure di un'industria...Cmq per la Piana di Gioia Tauro qualche anno fa si parlava di istituire una zona franca(no tax area) però poi non so cosa è successo.
L'elettricità è cara a livello nazionale,ma in Calabria ne produciamo più di quanto ne consumiamo e quindi se fosse applicato per bene il federalismo qui costerebbe molto meno. Non sono d'accordo col nucleare perchè è un luogo comune che poi l'elettricità costerebbe meno. Costa: anni di studio per individuare i siti dove costruirle,anni per costruirle,anni per trovare i siti dove stoccare le attuali scorie(che dal'86 ancora non sappiamo dove mettere. In tutto il mondo non sono previste costruzioni di nuove centrali e chi non le ha non ha intenzione di costruirle. L'Italia ha il "sole" che è energia pulita a costi bassissimi(nn mi venite a dire che i pannelli costano cari perchè è un "falso" problema solo italiano. In germania quasi te li vendono assieme al quotidiano al posto dei dvd. Il problema è che non c'è volontà politica).

Ma non scordiamo il vero problema di chi vuole investire al sud: la mafia.
Io imprenditore del nord ci penso un bel pò prima di venire al sud se so che poi potrei avere grossi problemi. Risolviamo il problema "mafia" e l'economia inizierà a girare, i soldi ci sono e le idee non mancano. Potremmo anche fare a meno di gente che viene da fuori....
Ciaoo

Ah..n'altra cosa. Mi spiegate perchè i cinesi quando conviene sono comunisti e cattivi mentre poi di fatto tutti corrono a fare affari con loro?
Se è vero come è vero che violano i diritti umani(a guantanamo no?) e hanno la pena di morte(negli usa no?) perchè UE e USA non mettono un embargo ai loro prodotti dato che siamo i loro maggiori clienti e consumatori? Basterebbe dirgli(e verificare che lo facciano): se non rispetti certe convenzioni io da te non compro. Gli Usa e l'Ue hanno i mezzi per poterlo fare. Per adeguarsi i loro costi crescerebbero e non ci sarebbero più "disparità" di prezzo così elevate e forse torneremmo competitivi. Ma evidentemente conviene più farli vedere come minaccia agli occhi della gente(per poi farci affari quasi di nascosto vendendogli nostre merci).
Mah...


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 37 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it