Leggi argomento - TALENTI FUTURIBILI

Oggi è ven nov 24, 2017 1:58 am

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 18, 2007 5:38 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
eheheeheh......ciao vecìo!!!
che quel cumulo di case chiamata Trieste possa sprofondare :lol:

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun gen 22, 2007 8:57 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
Numero 6

http://www.myspace.com/numero6
È raro trovare un disco che abbia una così forte coscienza di sé da contenere la propria sintesi. Provate ad ascoltare il brano di chiusura, "Da piccolissimi pezzi" e lì troverete l'idea, l'impostazione e la struttura di questo secondo disco a nome Numero6: "Io non faccio poesia verticalizzo e bado al sodo mi alzo troppo tardi e da piccolissimi pezzi nasce il quadro".

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun gen 22, 2007 9:04 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
Non Voglio Che Clara

http://www.myspace.com/nonvogliocheclara
Questo è il nuovo dei Non Voglio Che Clara. Il nuovo. Che poi fa sorridere accostare i Non Voglio Che Clara al concetto di “novità”. Ma quale novità? Voce, pianoforte, archi, belle parole, Luigi Tenco, Gino Paoli e gli anni ’60. Uno spaccato sulla musica italiana di quarant’anni fa, senza inventare nulla. Nessuna novità, ma solo conferme. A partire da Fabio De Min che, ormai è assodato, scrive le canzoni con la bacchetta magica anziché con la penna

“Perché in ogni bugia c’è sempre un po’ di morte, in fondo c’è tutto quello che vorrei lasciare in disparte, perché solo la pioggia ha così piccole mani, perché per niente di più e per niente di meno ti cambierei”. E poi via, come Cary Grant.

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun gen 22, 2007 9:14 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
Moltheni

http://www.myspace.com/moltheni
bastano le poche parole con cui l’autore presenta il disco sul booklet: "13 brani attraverso le sanguinose ed infinite pianure dell’amore."

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun gen 22, 2007 9:25 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
SAETA

http://www.myspace.com/saeta
Nove canzoni d’amore in equilibrio sopra grandi altezze, con un occhio verso lo strapiombo e l’altro al cielo: è così che viene da descrivere la sequenza di pezzi che compone il quarto disco dei Saeta.

Prodotto dal dio sceso in terra Steve Albini

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab feb 17, 2007 1:59 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
www.myspace.com/martinenfabrik

Musica e video insieme. Non è un iPod ma il nuovo progetto di Martino Pompili (Slugs) che da un paio d'anni si diverte a turbare la digestione post-cena della vigilia. Mezz'ora di film muto in tecnica mista, questa volta per lo più ombre cinesi e dietro lo schermo una band che suona la colonna sonora dal vivo. L'anno scorso uno gnomo deforme vagava per l'Europa, il mese scorso la storia del primo dei serial killer, Barbablu. Fate arrivare la Grande Orquestra nella vostra città.

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab feb 17, 2007 2:08 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
65 Days Of Static

http://www.myspace.com/sixtyfivedaysofstatic

sono presenti schegge della malinconia post-rock dei Sigur Ròs, stralci dell'elettronica mutante di Aphex Twin, spruzzi di grunge/noise invero mai troppo ostili (versante Nirvana/Sonic Youth) e un'attitudine jazzistica che fa capolino soprattutto da certe intuizioni percussive. L'insieme è abbastanza suggestivo da far venire l'acquolina in bocca, e sebbene i quattro ragazzi inglesi (Paul Wolinski alla chitarra e al sampling, Joe Fro alla seconda chitarra, Gareth Hughes al basso e Robb Jonze alla batteria) non abbiano costruito un nuovo capolavoro sono riusciti a costruire un disco che partendo da una miscela intrigante ha costruito un album piacevolissimo da ascoltare.

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer apr 11, 2007 10:51 am 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
Il Teatro Degli Orrori

http://www.myspace.com/ilteatrodegliorrori

Il Teatro degli Orrori, il cui nome si richiama al Teatro delle Crudeltà di artodiana memoria (e che per pudore, con questo non coincide), vede la luce (si fa per dire…) nell’inverno del 2005, originariamente dall’unione di tre musicisti di lungo corso della scena indipendente italiana, che necessitano di ben poche presentazioni: Pierpaolo Capovilla, frontman storico di una delle realtà più seminali degli ultimi dieci anni, ovvero i One Dimensional Man, con lui Francesco Valente, chiamato a sostituire Dario Perissutti dietro ai tamburi dell’uomo unidimensionale, e Gionata Mirai, voce e chitarra dei Super Elastic Bubble Plastic, altra band di culto, che qui si dedica anima e corpo allo strumento. Dopo alcune prove in trio, entra in formazione, imbracciando il basso, un altro veterano dell’indie italiano, Giulio Favero, che dagli One Dimensional Man è fuoriuscito dopo aver composto e prodotto due capolavori come “1000 doses of love” e “You Kill Me”, oggi tra i produttori più richiesti della scena indipendente. E’ solo con lo stabilizzarsi della formazione a quattro che il Teatro degli Orrori, inizia ad assumere i connotati di un progetto fragoroso, oscuro e straripante, meravigliosamente obliquo, che innesta sulle granitiche basi di un certo rock di matrice statunitense, i cui maestri rispondono al nome di Melvins, Birthday Party, Scratch Acid e Jesus Lizard, suite alt rock alla King Crimson, su cui fluttua la lezione della tradizione cantautorale che scomoda De Andrè, il tutto rappresentato con l’enfasi di un monologo urticante che ha gli occhi sbarrati di Carmelo Bene.
MySpace

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer apr 11, 2007 10:53 am 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
Dente

www.myspace.com/amodente

Dischi come questo sono come le sorprese ben riuscite, quelle che sgrani gli occhi e fai un sospiro grosso così. Sono come i baci che un giorno sovrapensiero ti ho dato e non mi sono ancora ripreso, sono come gli abbracci lasciati lì a metà, tra lo stare e l'andare, che non si capisce, quando sei tra il ridere e il piangere, e forse stai per fare tutte e due le cose insieme o forse no. Ma con leggerezza, questo è da dire. Perché "Che begli occhi che hai. Chissà come mi vedi bene". Così questo disco di Dente: scivola, sopra la vita quotidiana, scivola e non fa attrito, e anche se lo fa è giusto per il piacere dell'aderire ancora a un mondo reale che ormai di reale ha ben poco, dove quello che sorprende (ben più del piacere o meno) sono il tocco, il passo, la cadenza. "Dicono che i sentimenti sono simili ai fiori, infatti quelli finti non diventano grandi mai". Una sorpresa Dente. Al secondo disco sempre per Jestrai (dopo la lunga esperienza di chitarrista con i furono La Spina). Talento puro nascosto sotto il cappotto della normalità. Cantautore romantico&ironico. Un Battisti post-sbronza, languido e trasognato. Un De Gregori senza barba che divide con Elliott Smith (r.i.p.) l'affitto di un appartamento in condivisione (in questi tempi sfilacciati e precari succede). Una dolcezza istintiva del sentire, legata a doppio filo con un'ironia che rotola, mai feroce mai cattiva, che inebria piuttosto di stordire o respingere (ascoltate 'Canzone Pop'). Semplice e diretto come "oggi stiamo insieme, sali in macchina con me, vino cibo e musica, tutta la notte insieme a te". Pieno zeppo di versi e citazioni lampo: "è stato un calo di fantasia", "lei di notte ha fatto sorgere il sole", "a differenza di questa canzone noi non finiremo mai". Canzoni insomma. Italiane dall'inizio alla fine. Di quelle che speri sempre qualcuno ricominci a scriverne e cantarne. Di quelle di cui noi (noi persone normali, noi la gente) abbiamo umano tenero bisogno. Come fai a non innamorarti ascoltando "Baby building" o quel capolavoro di dolcezza e indolenza che è "La battaglia delle bande"? "Quanto ti ho voluto e quanta voglia ho di darti un bacio sulle stelle / saltare il compito di matematica farti un disegno sulla pelle". Come fai a non fare tua la conclusiva "Chiedo"? "Scusa per i baci che ti ho dato, scusa per averti conosciuto e averti accompagnato, scusa per gli inviti le colline e le feste di paese, scusa tutto quello che non ho bevuto e quello che ho taciuto, scusa se mi sono trattenuto e se non ho insistito scusami".
Sospiro.
D'altronde il tempo che viviamo è questo. Da qualche parte qualcuno aveva scritto che sì fa fuoco con quello che c'è. Ed è per questo che, insieme a quel genio inarrivabile di Babalot, Dente è il futuro del cantautorato in Italia. Perché riesce ad accendere il fuoco con il poco che c'è. E ci fa venire voglia di fare altrettanto. La colonna sonora per la poesia del vivere quotidiano. Semplicemente.

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun mag 07, 2007 6:15 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
quest'anno fare meglio dei teatro degli orrori...
è dura...
ascoltate gente ascoltate...

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 23, 2007 8:30 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
Dio della Love

http://www.myspace.com/diodellalove

Canzoni demenziali o sociali???
Ragazza myspace è troppo bella...
e grandi risate...

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 23, 2007 8:37 pm 
Non connesso
Fondatore Associazione
Avatar utente

Iscritto il: mar ago 10, 2004 2:27 am
Messaggi: 2595
Località: Reggio, Locri, Cosenza e a volte Roma, ma sempi supa a nu trenu!
E'vero bukoski....
Per una volta ho ascoltato un gruppo prima che lo postassi tu qua...
A me son piaciuti..soprattutto quella sul calcio :D


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun giu 18, 2007 5:36 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
EX-OTAGO
http://www.myspace.com/exotago

Direttamente dal mare di Genova, la Riotmakera vi offre l’ascolto delle gesta di 4 veri portuali. Pop sbagliato, come sempre: questa volta si gioca con fresche melodie ’60, mescolate a cantati da sposerò Simon Le Bon, un inglese che se vostra madre insegna tenetela alla larga, e qualche freestyle per la gente del ghetto. I 4 esponenti della west coast Riotmaker vi porteranno a conoscere i personaggi di "Tanti Saluti" e le loro storie, con tutta la freschezza delle loro canzoncine.
E poi non sorprendetevi se quest’estate il sole vi sembra ancora più luminoso.

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun giu 18, 2007 5:41 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
My Awesome Mixtape

http://www.myspace.com/wearemyawesomemixtape

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio lug 05, 2007 10:31 am 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni

Iscritto il: sab mag 14, 2005 7:49 pm
Messaggi: 280
"L’architetto veneziano continua ad anagrammare il suo nome per raccontare nuove storie di artemoltobuffa. Meno timido e meno fragile, Alberto Muffato sviluppa forme di intimismo cantautoriale attraverso i fatti quotidiani. “L’aria misteriosa” è poesia contemporanea, fatta di racconti giovanili e riflessioni adulte vissute attraverso l’immaginario letterario di un artista romantico, sensibile, ironico. Uno stile che guarda alla tradizione italiana e la colora di suggestioni pop d’oltreoceano. De Gregori e Yo La Tengo. Bersani e Red House Painters. Gino Paoli, Sparklehorse e Nick drake. canzoni d’amore per chi ha voglia di esplorare i dettagli delle emozioni semplici."

http://www.myspace.com/artemoltobuffa

_________________
www.autistico.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it