Leggi argomento - Io sono Locrideo! Le nostre testimonianze

Oggi è lun dic 18, 2017 6:19 pm

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 17 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Io sono Locrideo! Le nostre testimonianze
MessaggioInviato: dom ott 30, 2005 7:50 pm 
Non connesso
Fondatore Associazione
Avatar utente

Iscritto il: mar ago 10, 2004 2:27 am
Messaggi: 2595
Località: Reggio, Locri, Cosenza e a volte Roma, ma sempi supa a nu trenu!
Con questo topic vi invito a scrivere le vostre testimonianze sulla vostro essere nati e vissuti nella Locride sotto forma di racconto in prima persona..
Sentimenti,pensieri,aneddoti, insomma un qualcosa che possa testimoniare al resto d'Italia che significa essere locrideo (che come molti di noi sanno spesso non significa solo cose brutte, anzi).


Ultima modifica di Warriors su ven nov 30, 2007 10:35 am, modificato 1 volte in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom ott 30, 2005 9:27 pm 
Non connesso
Associata
Associata

Iscritto il: gio nov 11, 2004 11:16 pm
Messaggi: 130
Località: Locri
tò appena ho un attimolo faccio sicuramente. aspetti negativi e positivi

_________________
!!!Qui c'è vita!!!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom ott 30, 2005 11:35 pm 
Non connesso
Cristianuni
Cristianuni
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 30, 2004 6:33 pm
Messaggi: 675
Località: LOCRI !!!
Mamma mia che bel topic! E mo mi scialu... :wink:

Allora, essere locrideo (e locrese nel mio caso) vuol dire molte cose per me. Innanzitutto motivo di orgoglio! Quando mi chiedono "di dove sei?", tiro fuori i miei 36 denti e sorridendo, rispondo "LOCRI" :P
Spesso succede che qualcuno mi faccia strane facce..insomma, mi fa capire che ne ha sentito parlare male. E lì inizia il mi delirio... :D
Inizio a parlare della storia di Locri, di Nosside, Persephone, Eutimo, Zaleuco...e tutti i suoi figli storici...
Cito la frase di Platone "Locri, fiore d'Italia per beltà e ricchezza delle sue genti". Parlo di noi giovani, della nostra associazione, del summer village, del different party, dell'estate locrese, dei capodanno in piazza, delle nottate al cactus o alla playa, degli scavi, del teatro classico, della festa degli anziani, del body paint, del torneo di streetball, delle feste rionali...e di tutte le nostre espressioni...
C'è la mafia, da sconfiggere subito, c'è il marcio da buttare. Ma Locri VUOLE crescere. E Locri può, per la sua cultura...
E' sede di tutte le scuole di ogni ordine e grado (dall'asilo nido al master in archeologia, passando per il corso di laurea in scienze sociali ed il liceo classico, gli istituti tecnici..gli altri licei...tutti!!), di tutti gli uffici amministrativi del comprensorio. Locri al mattino raddoppia la sua popolazione tra studenti ed impiegati. Il pomeriggio fare una passeggiata sul lungomare, anche d'inverno...significa incontrare qualcuno che fa footing, qualcuno che passeggia il cane, qualcuno che fa giocare il proprio figlio alle giostrine pubbliche...
Qualcun'altro scambia due parole al bar, o in piazza...o si prepara per la palestra... Oh, c'è una mostra a palazzo nieddu, vediamo di chi è...
La pro loco ha organizzato una serata musicale, carino...
Una vita normale!! NORMALE!! Siamo normali...come tutti...
Non ho MAI e davvero, dico MAI, avuto paura della mia città. Molti studiamo, gli altri a lavoro..chi con i genitori, chi impiegato in settori diversi... Nessuno ciondola. Nessuno aspetta la paghetta del papà dopo i 18. Non siamo nulla facenti ed ignoranti..
Purtroppo, però, la paga non è adeguata alla prestazione fornita. Quasi mai. E per di più, magari, lavori in nero. E qui nasce l'insoddisfazione di molti... Giustamente...
Quante volte mi son detta ed ho detto ad i miei amici "Ragà, ma v'immaginate se non fossi nata a Locri? No..che incubo... Grazie Dio per avermi fatta locrese" :wink:
E ancora...quando scappo all'improvviso da Roma, perchè ho bisogno di Locri, della sua pace, della sua tranquillità... Esco senza dovermi preoccupare di stare attenta alla borsa, al telefono...quello mi fissa, devo cambiare strada. Girati dall'altra parte Barbara... Cos'è quella borsa abbandonata sulla metro? Perchè la mattina alle 8 sono già tutti pronti a sbranarmi sui mezzi pubblici se cercando di trovare il mio spazio, urto il piede alla signora affianco? Perchè sono tutti agitati in città?
Io voglio la mia Locri...dove tutti ti salutano sempre col sorriso e sono pronti ad offrirti un caffè, un cornetto... "nu gelatu, chi ti offru? jamu...e m'affendi si nn ti piji nenti". Sei stata nominata...ti tocca accettare sennò si offendono... :)
Oh cavolo..qui non va bene così, l'immagine della città è lesa! Allora corro in comune, cerco Raffaele e urlacchio un pò con lui... Me la prendo pure col sindaco. Tanto ormai ci sopportano, poveri santi! :)
Certo che pure noi però..abbiamo passato un'estate a sopportare loro...e non che sia finita ancora!!! :wink: Assessore carissimo..stiamo arrivando!! :twisted:
Locri...è casa mia, la mia famiglia...il mio rifugio...
E' disorganizzata in molte cose ancora, vuoi un pò per le passate amministrazioni poco attente (escludo quella precedente l'attuale), vuoi per parecchie persone che si zappano il loro orticello non guardando al di là della siepe. E' indietro nello sviluppo turistico. Col nostro mare e le nostre bellezze naturali e storiche, potremmo essere i migliori della costa jonica. Probabilmente fa comodo così per poter gestire al meglio i propri intrallazzi senza troppe preoccupazioni.
Però, ragà..cavolo, ce la differenza degli ultimi anni. Si bada molto a ripulire i palazzi (cosa che prima non si considerava neanche), all'ambiente, a sistemare le strade (prima assolutamente degradanti, anche se ancora da fare ce n'è..e ki mi conosce sa, ahimè, che voglio dire :? ). C'è una cultura abbastanza aperta (beh, non pretendete di essere a Roma, dove non vi caga nessuno perchè non vi conosce, ma non siamo certo uno di quei paesi dove se esci con la mini (gonna) ti crocifiggono..e molti pensano che a Locri succeda questo, focu focu.amari nui!)
Beh...aò, io non trovo niente di brutto a Locri...
Tante cose che vorrei migliorare, ma niente di brutto.
Naturalmente escludo la mafia, perchè è sottinteso sia un problema. E pure grosso...
E non posso farci niente, la amo la mia città!! :mrgreen:
Che bello quando torno (na vota o misi) e vedo qualcosa di nuovo...un nuovo progetto, un nuovo negozio. Guarda, finalmente hanno messo apposto quella strada. Ooooh..era ora che sistemassero le cime degli alberi. Andiamo sul lungomare, fammi respirare il mare... Niente fumo nero qui! :wink:
Prendiamo un dvd o andiamo al cinema? No, al McDonald's no...ci vado troppe volte già a Roma. A teatro nemmeno, non ho voglia stasera...dobbiamo andare "fino" a Gioiosa. Sai che ti dico...mi collego un pò e poi a nanna, così domani mi sveglio presto e passo in comune a rompere le scatole... Sto summer village 2006 si avvicina!!
NORMALITA'...questa...
Quello che fai tu a Milano, faccio io a Locri...
Non ho tutte le scelte che hai tu, ma i pro annullano i contro...
Graaaaande Locriiiii!!! =D> =D>

_________________
"Chi legge sa molto, ma chi osserva sa ancora di più"


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun ott 31, 2005 12:07 am 
Non connesso
Associatu
Associatu
Avatar utente

Iscritto il: dom apr 10, 2005 10:34 pm
Messaggi: 420
Località: Latina-Locri
io da raccontare non ho niente,a Locri c'ho vissuto poco,xò mi sento molto legato a questa città,è ormai una cosa inscindibile da me.Le tue parole babi,mi hanno commosso :wink: e anch'io provo le stesse cose :wink:

W la nostra terra

_________________
Want a Mac? Have an Hack! XD


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun ott 31, 2005 12:39 pm 
Non connesso
Dui i Coppi
Dui i Coppi
Avatar utente

Iscritto il: mar feb 15, 2005 1:17 pm
Messaggi: 5
Località: Behiruttella
Sono nato a Roccella Ionica 23 anni fa e da allora ho sempre pensato che quel paese e quella parte d'Italia (la Locride) mi stesse stretta, che la mia crescita culturale non poteva avere un futuro lì per svariati motivi, perchè nn c'è una biblioteca, perchè è difficile trovare eventi culturali nell'anno scolastico, etc...
Ho sempre criticato aspramente e con forza la mia terra, l'ho respinta e odiata per quello che non mi dava, ma non mi ero mai chiesto quello che io potevo dare a Lei.
Poi la scelta di andare a vivere e studiare a Siena mi ha portato ad interessarmi ancora di più ai suoi problemi, la voglia di fare si è concretizzata in un blog sui problemi politico-sociali di questo lembo d'Italia e in svariate iniziative per il mio paese.
Mi sono ricreduto, ho scoperto un amore quasi materno per il mio territorio, per il mio mare (su questo ci sarebbe da dire molto, ad esempio non riesco a guardare più all'infinito quì a Siena, mi viene da piangere perchè sò di vedere solo campagna) e con questo però è arrivata la scoperta di nuovi problemi.
Giorno dopo giorno, spulciando i giornali scoprivo problematiche e realtà che non conoscevo.

Ho scoperto anche una attenzione sporadica dei Giornali a questa realtà, e con mia meraviglia che l'opinione pubblica calabrese in tutti questi anni è restata inerte ed ha opposto al fervore dei giornalisti la sua indifferenza che può perfino essere scambiata per cinismo. Altrove, quelle denunce coraggiose avrebbero commosso i cittadini; in Calabria non commuovono nessuno e quando i giornali le pubblicano dando una particolare evidenza tipografica alla denuncia, la conseguenza non và più in là d'una maggiore vendita del loro giornale.
Dall'indifferenza alla curiosità è un passo: ma quanti ne mancano per arrivare dall'indifferenza all'alacrità morale?
Oggi si parla di Calabria, di Locride i cittadini protestano quest'interrogativo ha forse trovato una risposta, un pò tardi io credo.

Però la corruzione la 'ndrangheta e i problemi calabresi non possono essere sanati soltanto con l'indignazione degli italiani scontenti della Calabria.
Il risanamento della Calabria dipende soltanto dai calabresi.
Eppure io non dispero. Oggi la Calabria è una regione in gran parte giovane di sangue e di costume. Ciò che conta è che i giovani che sono nati quì e che vogliono abitarci e cercarci - crearsi lavoro, non si lascino ingannare dalle superficiali manifestazioni dell'antica "saggezza" e dal conseguente cinismo dei vecchi calabresi. Il vecchio calabrese è moralmente più sano di quanto lasci trasparire nei suoi attegiamenti. Quando fu necessario, lottò e morì. I nuovi abitanti della Calabria considerino finalmente questa la loro terra, e non la scambino per un paese retrogrado che oscura il loro futuro come ho fatto io tempo fa.

Il giorno in cui i GIOVANI calabresi ameranno la regione che li ha scelti, il processo alla Calabria diventerà impossibile, perchè gli antichi pregiudizi svaniranno, il popolo calabrese sarà orgoglioso di rappresentare la sua terra. L'ordine pubblico della Calabria smetterà d'essere solo un problema di polizia, i disonesti, chissà, diventeranno volontariamente onesti, e forse la Calabria avrà la vita felice che tutta Italia le augura.

La Nostra generazione ha accettato questa SFIDA, ora la dovrà portare avanti e VINCERE!


P.S.
Il mio mare, lotterei anche solo per Lui...
Cita:
Lì sotto dove si agitano i conflitti, le gerarchie, le differenze tra le vite nomadi e gli sguardi fermi delle piante, il gregariato dei branchi e la feroce e libera solitudine dei cacciatori, lì tra differenze di luce e di temperatura vivono una vita ugualmente perfetta le creature degli abissi e quelle delle superfici. Dal mare arrivano gli ospiti ingrati, il dramma, la fuga, gli inganni e i sogni dei clandestini. Esso nasconde meglio, ridicolizza le guardie costiere, ingoia i disperati senza pietà e senza colpa. La sua crudeltà è come quella della morte, vera e inevitabile.
C'è una lezione silenziosa nell'irresponsabilità grande e paurosa del mare, nel suo ingoiarci buio e solare, nel suo saper accogliere e custodire le agonie che scendono nei fondi di silenzio.

_________________
"Non sei fregato veramente finchè hai da parte una buona storia, e qualcuno a cui raccontarla"


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Scusate il tedio..
MessaggioInviato: lun ott 31, 2005 1:58 pm 
Non connesso
Fondatore Associazione
Avatar utente

Iscritto il: gio ago 12, 2004 4:20 pm
Messaggi: 156
Località: Locri,London, Lo que quiero
.

Oltre alla mia grande irritazione per essere nato a Messina (nessuo è perfetto) per uno scherzo del destino, però Locrideo (come dite voi) D.O.C. (papà di Locri con origini Gioiosane, mamma di Siderni..) di casa mia ho sempre in bocca un po di sapore..

Il mio essere ciò che sono passa è sempre passato e sempre passerà per quella casa vicino al mare, per quel mare di fronte a quella casa, per quella piazza a cui hanno cambiato la pavimentazione ma non l'anima..per quei visi facce espressioni e accenti e parole che sanno di casa ovunque, dalla stazione di Roma al posto più lontano che conosco..

Sono in fuga da casa più o meno da quando la lasciai la prima volta per tanto tempo, avevo 16 anni, ma non perchè casa mia non mi piaccia, anzi fuggo proprio perchè e più facile scappare quando sai che "casa" rimane sempre li, dovunque tu vada..

La amo in maniera incondizionata, anche se mi vergogno quando si conquista i titoli dei tg e dei giornali per ragioni non proprio belle..Poi ci rifletto un poco e penso..
Ma cosa ne sa tutta questa gente che parla e parla e parla di casa mia??
Cosa ne sanno delle buche sul campo del Garden, che quando ero piccolo però mi sembrava San Siro, cosa ne sanno del Bar di Siderno dove mio nonno si siedeva a prendere il caffè, delle mattine di Maggio quando salavo la scuola per andare a mare?Non ne sanno niente..

Forse però anche la "casa" che io conosco non esiste più..

La Playa ha abbandonato la sua splendida aria decadente, la sua malinconia settembrina di ogni pomeriggio alle 6, da Giugno fino a quando era Settembre davvero, per diventare un posto di tendenza..

Al Classico hanno (qualcuno dirà finalmente) fatto i leggendari "LAVORI",ed adesso quasi mi ci potrei perdere spaesato dallo stravolgimento di uno di quei luoghi nella mia testa eternamante uguali a se stessi..

Nunzio è sempre lì, o almeno credo..

I lavori al comune sono finiti, ma non mi ricordo bene come era prima (colpa della mia scarsa memoria non della lunghezza dei lavori..) quindi la mia immaginazione ha adottato subito il "nuovo" aspetto come quello giusto, quello vero, lo ha fatto parte della mia piccola storia personale rendendolo vecchio anche se è nuovo..

Ogni sei mei sembra che debbano chiudere il Cinema, dove ci andavo spesso con la Scuola (chi di Locri tra Medie e Liceo non ha sentito la dolce parola "Cineforum", che hai più suonava come "oggi vacanza") oppure con gli amici, in genere rigorosamente maschi, non che vedessimo niente di particolarmente hard.. qualcuno con un ignobile scusa riuscì a convincermi anche a vedere il film delle Spice Girls, ricordo, e ricordo anche chi, e direi che quella fu la visione più "inguardabile" in tanti anni, e non solo per gli under14

Aricò ha chiuso, Riviera ha rinnovato (il signor Riviera per me da bambino..), Franco non staci cchiu au Bar Poker..

Forse la "casa" che sta nella mia testa è sempre più diversa dalla casa che sta a casa..

_________________
Push da batton-Pino Zangara


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun ott 31, 2005 3:06 pm 
Non connesso
Associatu
Associatu
Avatar utente

Iscritto il: dom apr 10, 2005 10:34 pm
Messaggi: 420
Località: Latina-Locri
C'è una canzone di Turi che mi piace molto e che quando l'ascolto penso sempre alla mia terra e alle sue tradizioni :roll: :

Non scordare


Coro (x2):
Non scordare, l'origine ha un valore,
non dimenticare quel calore, diffondi quel folklore.
Non scordare, abbiam gli stessi geni, costumi e tradizioni
io so da dove vieni.


Forse tu non sai, ma tuo nonno combatteva la fame,
lavorava giorno e notte per portare a casa il pane,
tuo padre era un bambino il volto sporco di terra
negli occhi l'innocenza era appena il dopoguerra.
Una chitarra che suonava,
la radio sempre accessa
una luce soffusa la casa illuminava,
profondo sud, anni e anni or sono,
in campagna a lavorare in chiesa a chiedere perdono,
per le strade polvere, poco asfalto
Dio guardava dall'alto la povertà messa in risalto.
Famiglie numerose, fiere rumorose,
galere sempre piene per forza di cose,
cartoline in bianco e nero sopra al comodino,
sognando mille lire al mese per cambiare 'sto destino,
io non c'ero ma sti fatti sono pezzi del mio cuore
io proteggo e diffondo 'sto calore.


Coro (x2)

Processioni: madonne ricoperte d'oro massiccio
illuminazioni colorate sul traliccio,
giovanotti in doppio petto e mocassino,
vicende di un piccolo paesino,
faccende che ho vissuto da bambino.
E adesso pure a me suonano strane
ricordo odore di vino e noccioline americane,
un cane che abbaia fa da eco giù nei vicoli,
una massaia col rosario spera nei miracoli.
Giù nell'osteria c'è chi grida e si urla,
tutti vogliono pagare o offrire un giro a birra.
Si parla dell'annata e il raccolto delle olive,
sconvolti dall'ondata delle pioggie cattive e nocive,
anche perchè è l'unica risorsa,
due lire nella borsa ma la vita va di corsa.
Realtà dispersa, ma non posso scordare,
diffondo 'sto calore, è un pezzo del mio cuore.

Coro (x2)

Panorami che rimangono, montagne che non mutano,
generazioni nuove ma quegli occhi mai non cambiano,
inverni eterni, passati nel viale a giocare
pargoletti cresciuti sfamati a pane olio e sale.
Non scordare quel rosso sulle guance
il carbone che brucia e un forte arome d'arance.
province su province, pastori col fucile a tracollo
falegnami, calzolai martello e scalpello
un gentiluomo col cappello bivacca nella piazza,
ossequi e saluti, ma se sgarri t'ammazza;
troppa fierezza, il rispetto qui è legge,
è la norma che vige e attecchisce sul gregge,
regole egrege, riti secolari.
sapori del sud che attrversano mari,
ricordi le valigie di cartone, quei treni pieni,
ecco non scordare, ricorda tu da lì vieni.

Funky Cabaret: non volgiono scordare,
Devon & Giga: non vogliono scordare,
Luca Giurleo e Firu: non vogliono scordare,
Riskin' Worldwide: non vuole scordare,
Lugi e Dj Marcio: non vogliono scordare,
Angelina e Fightin Soul: non vuole scordare,
i Manetti Bros: non vogliono scordare,
Next One Cannavò: non vuole scordare,
Gate Kisa Gate Kipa: non vogliono scordare,
Rafjost e Pinsu: non vogliono scordare,
Fritza da Cat: non vuole scordare,
la famiglia Cellamaro: non vogliono scordare,
Enzo Hacken: non vuole scordare,
il mio amico Jose: non vuole scordare,
chiunque abbia scordato: non vuole scordare

Coro (x2)

_________________
Want a Mac? Have an Hack! XD


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun ott 31, 2005 4:42 pm 
Non connesso
Associatu
Associatu
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 04, 2005 3:35 pm
Messaggi: 56
Località: LOCRI
Io sono nato a LOCRI il 13/10/1989 e sono molto fiero di poterlo dire.Quando mi capita di parlare con persone estranee del mio paese parlo chiaramente, senza nascondere la mia esistenza nella locride,degli aspetti negativi ma anche positivi.Molte persone quando mi domandano di dove sono,ed io rispondo fieramente"LOCRI in CALABRIA".Alcuni mi chiedono approfondimenti in bene della Calabria,altri,come finisco di pronunciare CALABRIA,non vedono l'ora di criticare e prenderci in giro dell'accento che alcuni di noi usiamo,ed io nn c penso due volte a mandarli a quel paese :evil: .
Io sono nato a LOCRI e vivo a LOCRI ed amo questa città.Mi è capitato poche volte di essere fuori dalla mia terra ma non vedevo l'ora di ritornarci per vedere i miei amici,la mia città,le poche vetrine che ci stanno(sappiamo anche il perchè :evil: ),insomma tutto ciò della mia città.
LOCRI è centro di numerose strutture tipo:tribunale,scuole di ogni genere,ecc...
Io penso che un giorno o l'altro Locri, come tutta la Locride, può cambiare ma nel frattempo continuo a difendere la mia terra come ho sempre fatto :!:

_________________
LOCRI......La mia PATRIA!!!!!!!!!!!!!!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun ott 31, 2005 5:18 pm 
Non connesso
Membro Direttivo
Membro Direttivo

Iscritto il: ven ago 13, 2004 2:39 am
Messaggi: 4247
Intanto puntualizziamo : i denti barby sono 32 =) CICCIO NASCERE A MESSINA è UN ONORE =)


Scherzi a parte (sapete che se non cazzeggio un po non sarei io...)

Sono nato a Locri come gran parte di noi il 09-08-1984 ho vissuto da allora fino al 92 a Siderno e successivamente mi sono trasferito a Locri .

Per cui mi sento decisamente Locrese , visto che gli anni in cui si comincia a "camminare" da soli credo scattino tra i 9-10.

Cosa c'è da dire sulla mia terra ... forse il piu' l'ho scritto in qualche articolo pubblicato .
Nonostante come tanti ormai non sia piu' lì , è fuori discussione il mio attaccamento , il mio amore e il mio orgoglio e senso di appartenenza per quel lembo di terra chiamato :Locride, Costa dei Gelsomini , costa viola , alto Jonio reggino o come cavolo lo si voglia chiamare .
E' un legame sito nel sangue e indissolubile , anche perchè è li' che ho passato gli anni piu' belli e significativi della mia vita . E' li' che ho tutti i veri amici con cui giochi,ridi,piangi,scherzi,ti incazzi e fondi "Giovani per la locride".
Inoltre come tanti (anche se c'è chi vuole far credere il contrario) , sono cresciuto come qualunque altro ragazzo fortunato di questo mondo , in un ambiente pulito e senza sentire addosso o respirare clima di tensione di alcun tipo , ne di malavita e ne di bullismo. Per non andare troppo indietro nel tempo a conferma di tutto cio' chiunque come me abbia frequentato il liceo classico di Locri puo' confermare cio' che scrivo (e credo che anche i ragazzi di altre scuole possano confermare tutto questo.) . Ora sto a Milano... dove certamente mi trovo bene , ma dove non credo starei magari in giro da solo o con un mio amico/a alle 3 di notte in una qualunque strada e dove quando mi alzo non apro il balcone e respiro aria pulita e quasi quasi cado a mare. Certo , in molti potranno dire per quale diamine di motivo sono andato via allora se sono cosi' attaccato alla mia terra... La risposta è perchè purtroppo quando si cresce , forse affermarsi è piu' facile altrove che non in Calabria o Sicilia , pero' è anche vero che , se uno ha ben fisse le sue radici e la sua provenienza puo' essere utile eCOMBATTIVO anche a 1300 km di distanza e non è detto che l'efficacia di azione sia di minore entita' rispetto a un qualunque individuo che viva a Locri o paesi limitrofi.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar nov 01, 2005 12:03 pm 
Non connesso
Sciacqualattuchi
Sciacqualattuchi
Avatar utente

Iscritto il: sab mag 21, 2005 8:52 pm
Messaggi: 135
Località: Locri, Milano
Visto che hai puntualizzato su altri, puntualizzo su di te: la costa viola si trova sul lato tirrenico :wink:

Avete scritto delle parole bellissime sulla nostra meravigliosa Locri e Locride.
Amo questa città in maniera ossessiva. E' come se tra me e lei il cordone ombelicale non fosse mai stato tagliato, e questa è davvero una sensazione stupenda che mi porto addosso qualsiasi cosa io stia facendo o dovunque io stia andando. Quando la sera torno stanchissima da Reggio ed oltrepasso il cartellone con scritto "Locri", mi dico: "Ora posso morire". Non c'è altro posto dove avrei voluto nascere e crescere e non c'è altro posto dove vorrei morire.
La nostra è una città che forse a tratti può andare stretta ma nel momento in cui si parte per altri lidi la nostalgia inizia ad avvicinarsi.
Ho visitato grandi e piccole città italiane ed estere; ho conosciuto persone di razza e cultura differente dalla nostra; ho visto un mare di verde ed un mare di azzurro, ma MAI mi sono sentita a casa mia. MAI ho pensato di lasciare e tradire Locri.
Si dice che la nostra è una realtà difficile.
Scusate, ma cosa s'intende per difficile?
Io non ho mai trovato nulla di difficoltoso nel vivere a Locri, e questo non perchè (come dicono alcuni stolti senza cognizione di causa) mi sono "abituata" a vivere a Locri, dove Locri viene intesa come sinonimo di "male" (al male non ci si abitua mai), ma semplicemente perchè a Locri il male non c'è.
Per me sarebbe più difficile vivere in una società dove da sola la sera (anche non tardi) non puoi uscire. Dove devi stare attenta a quei cinque euro che tieni in borsetta. Dove la sera la porta la devi chiudere a chiave. Dove le ragazze vengono violentate di fronte ai propri ragazzi. Dove i figli ammazzano le mamme senza nessun motivo. Dove la malavita organizzata non è italiana, e dunque non si chiama mafia, o 'ndrangheta, o camorra o sacra corona unita, ma è più pericolosa e più violenta in quanto non fa parte della nostra cultura, ed è quella albanese; marocchina; cinese; rumena!!
Non sto affermando che la mafia qui da noi non esiste, in quanto direi una bugia, sto solo dicendo che esiste OVUNQUE, ma qui nella Locrdie si estrinseca in maniera differente.
Prendiamo ad esempio Siderno: qui non esiste la 'ndrangheta? Sì, esiste in quanto sarebbe impossibile che non esistesse visto che è "appiccicata" a Locri. Sarebbe utopistico dire che a Locri c'è ed a Siderno no. Solo che a Siderno è meglio oranizzata: è una 'ndrangheta imprenditrice e ben studiata. E' una 'ndrangheta "strisciante e subdola" che a volte si percepisce ed a volte no. Bene, estendiamo questo fenomeno nella gran parte d'Italia e ci renderemo conto che esiste OVUNQUE!
Detto questo ritorno alla mia adorata mamma: Locri!
Questa mia mamma non mi ha mai fatto mancare nulla. Mi ha cresciuta nel mito della storia greca: ogni volta che passeggio per le vie di Locri, mi domando quale grande storia si sia svolta lì, cosa pensavano i miei antenati guardando verso quel mare dalle cui onde nacque Venere.
Locri è piena di misteri, sia nel bene che nel male.
E' una terra che si è fatta sempre sentire e che sempre si farà sentire, sia nel bene che nel male.
E' una protagonista che non ama passare inosservata.
LOCRI E' LA MIA PATRIA E TU NON VEDRAI NIENTE PIù GRANDE DI LEI!
Matt :twisted:

_________________
Aùndi màngianu ddùi, màngianu tri.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar nov 01, 2005 10:29 pm 
Non connesso
Membro Direttivo
Membro Direttivo

Iscritto il: ven ago 13, 2004 2:39 am
Messaggi: 4247
Mattina ha scritto:
oltrepasso il cartellone con scritto "Locri", mi dico: "Ora posso morire". Non c'è altro posto dove avrei voluto nascere e crescere e non c'è altro posto dove vorrei morire.
Matt :twisted:



miiiiiii ma ndi ficiru cu nu stampinu?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer nov 02, 2005 10:21 pm 
Non connesso
Sciacqualattuchi
Sciacqualattuchi
Avatar utente

Iscritto il: sab mag 21, 2005 8:52 pm
Messaggi: 135
Località: Locri, Milano
E non si cuntentu? :wink:

_________________
Aùndi màngianu ddùi, màngianu tri.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer nov 02, 2005 10:49 pm 
Non connesso
Associata
Associata
Avatar utente

Iscritto il: mer mag 04, 2005 8:21 pm
Messaggi: 736
Località: Locri
:shock: cose da pazzi!XD
cioè,mica tanto poi!kiunque abbia un minimo di patriotticismo desidererebbe questo!! :)

_________________
...sopavissuta in me/dentro me/una parte di me urla continuamente in silenzio...
...::[LP]::...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun nov 28, 2005 2:25 am 
Non connesso
Fondatore Associazione
Avatar utente

Iscritto il: lun ago 09, 2004 10:55 pm
Messaggi: 627
Località: Locri,Firenze prossimamente Maracaibo
Effettivamente ha ragione Mattina, ci sono delle parole meravigliose...che non bisognerebbe dimenticare o accantonare in un cassetto.
Che dire, è da 22 anni (quasi 23) che vivo a Locri, sono nato a Locri, da papà locrese e mamma locrese (di origini platiote però) la domanda cos'è Locri per me, è come dire, che cos'è l' aria per un uomo messo sottovuoto, la vita.
L' ho apprezzato sopratutto ora, che sto a Firenze, così distante dalla mia terra. Non esiste peggior sensazione di essere esiliati. Però meno male ho le radici ben salde lì, nella locride, non esiste posto che cambierei con la mia Locri, con la mia terra d'origine, non tanto per la sua storia quanto per il fatto che è mia. Qualcosa che non cambierei per nessun motivo al mondo. Ricordo a memoria ogni via, viuzza, c'è sempre qualche ricordo che mi lega ad una strada, alla piazzetta, al lungomare...a tutto insomma...La mia storia Locri la conosce, ed io, potete starne certi, conosco la sua.
Solo che è storia. Noi siamo il futuro...Potremmo commemorare il ricordo di Nosside che commemorava la sua Locri, ma non è la nostra...è una Locri che fù e mai tornerà, sarà più bella, sarà più brutta, nessuno può saperlo a priori.
Noi giovani, potremmo cambiare le cose e sicuramente lo faremo, perchè amiamo la nostra terra. Se non tutti, la maggior parte che sta in questo forum (approssimiamo al 99% l' 1% è il margine d'errore).
A Locri devo molto...non perchè mi ha dato i natali o potrebbe farmi ostentare una superiorità culturale propria di questa città, ma perchè Locri mi ha "cresciuto"...Mi ha fatto maturare, mi ha dato una coscienza critica di cos'è il bene e cos'è il male, senza vederlo nei film o leggerlo sui giornali.
Locri, volente o nolente ha la ndrangheta, la mafia (che concepisco come collusione fra politica e ndrangheta, come favoritismo o altro...) ed ha giovani che la amano, che dicono No alla ndrangheta...No ai favoritismi, no a tutto ciò che è malsano. Non solo i giovani, anche altri cittadini amano questa terra, per le sue origini e per il "calore" umano che noi, abbiamo (sto escludendo ovviamente quei cazzoni che alla vista di uno 'sconosciuto' vanno a fare risse o altro).
Il nostro mare...quello dove ho imparato a nuotare, dove ho fatto il bagno con le persone a cui tenevo...Come fare a dimenticarsi di queste cose...non si può...Mare cristallino...Sabbia bianca agli scavi archeologici...no no, io non dimenticherò mai Locri.
E' vero anche però che Locri non ci da sbocchi...potremmo crearceli...ma fin quando esisterà il malcostume, sarà come costruire castelli di sabbia in mare...Ma non significa che uno debba demoralizzarsi :) Anzi deve crederci di più...
Le radici servono...lo vedo parlando con persone che oramai mancano da Locri da anni...Non ci si dimentica di Locri perhè lei qualcosa ti dà...devi solo apprezzare quello che ti offre, anche se poco (per qualcuno)...
Locri è stata centro di cultura fino a non poco tempo fa...non dimentichiamo che molte scuole secondarie hanno sede qui....

Concludo con una frase presa dal Timeo di Platone:

Cita:
Questo nostro Timeo, che proviene da quella città governata da ottime leggi che è Locri in Italia, non essendo secondo a nessuno fra quelli che abitano in quella città per ricchezza e per stirpe, da un lato ha esercitato le cariche e le magistrature più importanti fra quelle che vi sono nella città, e dall'altro ha raggiunto, a mio avviso, la vetta più alta di tutta la filosofia.


Non sarà ancora così ma l' amo per quello che è...non per quello che dovrebbe essere, ma queste parole non possono che provocarmi i brividi quando le leggo.
Ed anche questa ode di Pindaro, tratta dalle Olimpiche e dedicata ad Agesidamo...

Cita:
La più alta Giustizia
governa Locri Epizefiri,
e vi si onorano Calliope ed il bronzeo Marte.
Anche lo scontro con Cicno la suprema forza di Eracle vinse:
E Agesidamo, vittorioso ad Olimpia
nel pugilato, abbia gratitudine
per Ila, come Patroclo per Achille.

_________________
Yo quiero unir mi destino al de los pobres del mundo. José Martí


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun nov 28, 2005 11:58 am 
Non connesso
Membro Direttivo
Membro Direttivo
Avatar utente

Iscritto il: lun ott 11, 2004 7:32 pm
Messaggi: 367
Località: Locri-Cosenza
Mi sono accorto di aver scritto qualcosa che attiene all'argomento di questo topic; non ridette troppo rumorosamente però :oops: !


A nessun altro luogo appartengo
ma a questo angusto lembo di terra
preso tra una lama di mare
e le cime che bianche hanno nome.

Insondabili ha radici in questo suolo
il mio sangue.

Medesimo è il salmastro vento
che c’asseta.

Ho la tenacia del fico d’India
abbarbicato sullo scoglio,
la forza del gabbiano
che risale il fiume di vento
nell’azzurro.

La mia quiete è come l’ombra
dell’ulivo.

Le mie piaghe acerbe
come il succo d’un limone.

Qui solo so capire
l’antica cantilena delle onde.

Suo retaggio è la condanna
di trarre in secca a sera la mia vela
senza porto.


A nessun altro luogo appartengo
ma a questa terra amara,
troppo vicina al mare
che cinge Favignana e Chitilonia.

Qui è dove l’albero della scienza
getta la sua ombra gelida
e affonda i suoi tentacoli.

Le sue radici bevono sudore
e lacrime e sangue.
E stritolano ossa.

La sua chioma cupa
Offende la purezza del cielo.

Qui stride solo il silenzio,
ed il ghigno dei tre antichi
cavalieri spagnoli
dal buio delle loro bare mai sepolte.

Qui vigono le regole sociali,
il tribunale d’omertà,
il senso dell’onore
travisato,

e l’amore mortalmente offeso.

_________________


L'interminabile tempo mi adopera come un fruscio. [Dolina notturna, Ungaretti]



Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 17 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it