Roccella Jonica

Stemma del Comune di Roccella Jonica
Stemma del Comune di Roccella Jonica
Informazioni Sintetiche
Informazioni sintetiche relative ad un comune
Numero di abitanti: 
6745
Denominazione degli abitanti: 
roccellesi
Altitudine: 
20 metri s.l.m.
Distanza da Locri: 
20 km
Santo patrono: 
San Vittorio
Data festa patronale: 
21 Maggio
CAP: 
89047
Sindaco: 
Giuseppe Certomà (eletto 2009)
Municipio: 
Via Colombo
Guardia Medica: 
0964/84224
Scuole: 
-materna, elementare, media, Itis, Liceo Scientifico, Istituto Professionale Regionale
Strutture Sportive: 
campo sportivo comunale, palazzetto dello sport, campo da tennis, parco giochi, area fitness
Associazioni: 

-Pro Loco, Associazione Culturale Jonica, AMB, Centro Sociale Anziani, Agesci, Masci, Azione Cattolica, L’Arlesiana, Tersicene Danza Arte Spettacolo, Ass. Interregionale Sarti e Modisti, Cgil, Ugl-Enas, Marinai d’Italia, Associazione Volontariato, Tennis Club, Club Karate, Circolo nautico, Volley Roccella (pallavolo), Brazil Roccella (calcio a 5),As Roccella (calcio), Scuola Basket "Giovanna Racco"

Frazioni: 
-
Confini comunali: 
Caulonia
Confini comunali: 
Gioiosa Jonica
Confini comunali: 
Marina di Gioiosa Jonica
Confini comunali: 
Martone
Da Visitare: 
-Castello Carafa
Annotazioni: 
-Auditorium, Anfiteatro, Porto turistico e da pesca
Appuntamenti: 

-Pasqua – La svelata
I domenica di luglio – festa della Madonna delle Grazie
Agosto – Festival Jazz
Agosto e Natale – Concerto dell’Arlesiana
Dicembre / Gennaio – Roccella com’era

Riferimenti Bibliografici: 
-



Roccella
Roccella Jonica è uno dei pochissimi esempi di paesi nati già in epoca medievale lungo la costa. Ma i primi insediamenti umani documentati, risalgono alla prima età del ferro, come risulta dalla necropoli ritrovata in zona Sant’Onofrio. Il nome di Roccella deriverebbe dalla rocca, probabilmente denominata in quel modo, sulla quale sorge il Castello, di struttura normanna, posto lì sia come vedetta che come difesa, e dal quale scende verso mare tutto l’abitato che ha la struttura di borgo fortificato. Il Castello era una fortezza inespugnabile tanto che neanche i devastanti turchi di Dragut Pascià nel 1553 riuscirono ad espugnare. Ci riprovarono nel 1599 ma, le truppe guidate da Aramut Rais, furono respinte per l’ennesima volta. Fino al 1800 il Castello fu residenza dei Principi Carafa che dominarono la zona per più di quattrocento anni e con il principe Fabrizio che fu uno dei maggiori persecutori di Tommaso Campanella. Ai piedi del Castello sorge il Santuario di Maria Santissima delle Grazie, edificato nel 1545, e al cui interno si trova un dipinto del 1600 realizzato da Pietro Novelli di Monreale, che riproduce il salvataggio miracoloso di un’imbarcazione in balia delle onde, grazie al prodigioso intervento della Madonna.
Nel 1871, in contrada Melissari, ai confini con la Marina di Caulonia, furono rinvenute due colonne romane di granito egizio, che presumibilmente componevano i resti dell’Ara di Castore e Pollice, edificata dai locresi sul fiume Allaro (il cui nome deriverebbe proprio dalla presenza dell’Ara) in seguito alla vittoria conseguita contro i crotonesi nella Battaglia della Sagra, che era il nome originario del fiume Allaro. Le due colonne, prelevate da quel luogo, sono state poste sul lungomare di Roccella Jonica.

A cura di Francesco Carbone

Foto
Galleria Fotografica
Foto: 

Vista Roccella Jonica Porto Roccella Jonica

Mappe Satellitari
Un insieme di Google Maps relative al comune