Bilancio Positivo per la Quinta Edizione del Locride Summer Village

La quinta edizione del Locride Summer Village si è conclusa e ora non può che essere tempo di bilanci per i ragazzi dell’Associazione Culturale “Giovani per la Locride”, ideatori e realizzatori della quattro giorni locrese. I numeri ottenuti durante la manifestazione non possono che portare a delle considerazioni più che positive sulla riuscita dell’evento che racchiude in sé arte, musica e sport. Partendo proprio dallo sport, ha riscontrato enorme successo l’innovativo torneo di beach tennis, presentato per la prima volta nella passata edizione, il quale sta ottenendo sempre più consensi sia a livello nazionale che a livello locale. Ben 36 le squadre iscritte durante questa edizione, suddivise in due categorie, che si sono date “battaglia” sulla spiaggia locrese con racchette e palline. Alla fine tutti contenti data la tipologia di sport presentata che oltre a giocate spettacolari garantisce un sicuro divertimento.
La parte serale ha riscontrato una presenza buona e costante di pubblico, con i picchi maggiori durante la prima e l’ultima serata. Notevole l'apprezzamento per l'aspetto culturale e musicale delle quattro serate dell'evento.
Cogliendo in pieno lo spirito dell'evento e miscelandolo con entusiasmo alla voglia di sperimentare caratteristica della compagnia dei "Transiti" s'è realizzato un perfetto connubio tra natura e opere dell'uomo improvvisando tra aiuole alberate e panchine del parco una suggestiva scenografia che ha reso ancora più emozionante la poesia musicata e le danze messe in scena dagli artisti durante la seconda giornata.

Iniziato con leggero ritardo a causa del traffico che ha reso un'odissea il loro viaggio tra Palermo e Locri il concerto degli 'Nkantu d'Aziz di giorno 5 non ha deluso le aspettative di chi attendeva il vento caldo e lieve della Sicilia, con i profumi delle spezie e dei fiori, le voci di un passato vicino e l'eco di tempi antichi evocati dalla musica dei giovani musicisti palermitani.

Evento nell'evento l'esibizione del moderno cantastorie satirico di Rai Tre Andrea Rivera che durante la serata finale ha letteralmente incollato al proprio posto per circa due ore il numerosissimo pubblico accorso ad ascoltare l'ironica, ma amara, descrizione dell'Italia di oggi che nelle intenzioni dell'artista può e deve spingere alla riflessione tutti gli italiani, permettendo il cambiamento culturale necessario al superamento di crisi e vecchi retaggi che impediscono lo sviluppo e una migliore qualità sociale e della vita. Attraverso proiezione di interviste per strada, dalla quale traspare la profonda ignoranza civile degli italiani, musicati racconti e paradossi Andrea Rivera anche a Locri ha fatto centro, stimolando pubblico e organizzatori al guardare al domani con rinnovato entusiasmo impegnandosi, ognuno nel proprio piccolo, a realizzare un'Italia migliore.

Il Locride Summer Village ha così chiuso la sua quinta edizione. L'evento è stato, come di consueto, patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dalla Regione Calabria e dal Consiglio Regionale, dalla Provincia di Reggio Calabria nonché dalla Città di Locri ai quali va un sentito ringraziamento per il supporto alla realizzazione dell'evento. I ragazzi dell'Associazione Culturale Giovani per la Locride, ancora impegnati nello smontaggio delle strutture danno appuntamento al prossimo anno per la sesta edizione del Summer Village alla quale lavoreranno, dopo una breve e necessaria pausa, già da settembre con in testa il pensiero che prima di chiedersi cosa può fare il proprio Paese per loro ci si debba prima chiedere cosa si può fare per il proprio Paese (cit. JFK).