Locri: il 18 febbraio lo spettacolo teatrale "Aspettando, ancora, Garibaldi"

Il Sindaco della Città di Locri, Francesco Macrì, l’assessore alla cultura, Francesco Commisso, invitano i cittadini allo spettacolo teatrale "Aspettando, ancora, Garibaldi", monologo in un tempo, di e con Gregorio Calabretta, autore dei testi e regista, per una produzione TeatroStudioMediterraneo, che si terrà venerdì 18 febbraio, con inizio alle ore 18.30, presso l’Auditorium del Palazzo della Cultura.
"Aspettando, ancora, Garibaldi" è Un "viaggio in Calabria dall'Unità d'Italia ad oggi" che seduce lo spettatore, giocando con il dialetto e con le immagini per raccontare "ciò che i libri di scuola non dicono sull'Unità". E lo fa attraverso la storia di tre generazioni di una famiglia calabrese, dall'arrivo dei garibaldini nel 1860 all'eccidio dei braccianti di Torre Melissa che reclamavano le terre, nell'Italia repubblicana del 1949. Un testo che, spiega l'autore, "fonde in un'unica trama i racconti di tre scrittori, Leonida Repaci (La marcia dei braccianti di Melissa) , Francesco Perri (Emigranti, 1928) e Saverio Strati (Mani vuote) che nel corso del ‘900 hanno affrontato il dramma delle lotte dei contadini del Sud e dell'emigrazione massiccia che ha svuotato campagne e paesi del Mezzogiorno. "La sconfitta più grande per noi meridionali causata dall'Unità – afferma Calabretta in un dialogo immaginario con Garibaldi – è stata la perdita della nostra identità culturale il senso di appartenenza che rende gli uomini orgogliosi della propria terra. Vi sono due modi per cancellare l'identità di un popolo: il primo è di distruggere la sua memoria storica, il secondo è di sradicarlo dalla propria terra. Noi meridionali li abbiamo subiti entrambi". Per assistere allo spettacolo l’ingresso è di €. 5,00. Prevendita presso: Ufficio Cultura I° Piano Palazzo Comunale - Cinema VITTORIA – Bar del CORSO – Bar SCOCCHIERI – Bar RIVIERA e Bar ROYAL. Per info: 0964/391490.

fonte: www.strill.it