Agli atti terribili degli uomini non c'è mai fine

In questo mio primo intervento-pensiero, vorrei soffermarmi su un fatto di cronaca recente successo in India, Paese molto lontano da noi, ma che si segna ultimamente di ripetuti atti di violenza sessuale nei confronti di donne, di qualsiasi rango sociale, di qualsiasi professione e di qualsiasi etnia. Quanto successo qualche giorno fa ha però qualcosa dell'incredibile: un branco che aggredisce, stupra (e praticamente uccide quasi sul colpo) una ragazza studentessa 23enne di ritorno a casa dal cinema. Ancora più terrificante è se si pensa che siano stati 6 contro una povera indifesa ragazza. Senza parole lascia poi tutto quanto se si aggiunge ulteriormente il tassello di dove tutto questo sia accaduto: su un BUS! Inutile aggiungere parole di vergogna, disprezzo e quanto più si può aggiungere a tutto questo, ma quello che mi lascia perplesso e mi fa pensare in che società viviamo, è questo pezzo di articolo:

"Ad aggredirla, colpendola con sbarre di ferro e violentandola per oltre un'ora a bordo di un autobus prima di gettarla dall'automezzo in movimento, erano stati sei uomini. Tra loro anche il conducente del bus. Gli aggressori avevano anche colpito ferocemente il fidanzato della giovane, un ingegnere informatico di 28 anni: i due fidanzati erano saliti sull'autobus per tornare a casa dopo essere andati al cinema."

Ma che motivo c'era di colpirla con una sbarra di ferro? Come se non fosse già sufficiente la violenza che stavano mettendo in atto...Oltretutto, come si fa a violentarla per oltre 1 ora senza che nessuno nè intervenisse nè si accorgesse di nulla? Perchè il fidanzato (anche se magari tramortito) non ha trovato la forza di chiamare la polizia? Perchè buttarla giù dal bus in movimento come se fosse un sacco di spazzatura?

Ieri sera la tragica notizia della sua morte. E questa povera ragazza, anche se avesse trovato la forza di riprendersi, sarebbe ormai morta per sempre dentro di sè.

6 balordi che sono stati in grado di rovinare la vita di diverse persone, di uccidere una povera innocente e di mandare un paese indietro di diversi secoli.

Non so quale sarebbe la pena più giusta per tutti loro, ma il mio pensiero va a questa giovane studentessa che ora ha trovato la pace dopo le terribili ore che ha dovuto passare negli ultimi attimi della sua vita.

qui la notizia:

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2012/12/28/India-fin-vita-studentessa-stuprata_8006552.html