Continua la saga gastronomica :D

Placare i morsi della fame dopo un lungo viaggio e ascoltare della buona musica possono essere due “necessità” conciliabili? Prova ad immaginarti appena sbarcato nella porta della Sicilia. Tralasciando la stanchezza e il panorama potresti essere colto da una sensazione che più naturale non si può: FAME! Diversi sono i modi di placarla, uno è quello più immediato e gustoso! Un “mambo” in una rosticceria messinese! Tre i passi fondamentali! Si comincia con quello che potrebbe essere un “piatto unico di finger food”, arancino con carne e piselli. Se i morsi della fame non si sono placati il secondo passo è la focaccia alla messinese, un ballo tra: scarola, acciughe, caciocavallo e pomodorini. Variante di coreografia potrebbe essere un “pidone”, praticamente un calzone farcito con gli ingredienti della focaccia e fritto, volendo restare leggeri esiste la versione al forno. La nota finale ce la da “una fetta di limone”, basta andare in piazza Cairoli in uno dei chioschetti storici e consumare una fresca e digestiva acqua selz , sale e ovviamente limone per poi, finalmente,  godersi il mare al pomeriggio ed essere pronti per la sera... Ma cosa mangiamo ve lo dico la prossima volta!