Un velodromo nella locride può essere utile?

Autore: 
Emilio Lupis
Data Pubblicazione: 
18/11/2004

Come ben tutti sapete le ultime Olimpiadi di Atene per i nostri colori sono state un successo e enormi attestati di stima verso gli atleti azzurri sono arrivati da piu' parti sopratutto dal mondo politico con grandi feste e cerimonie di premiazione che hanno visto in prima linea il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e anche il presidente del consiglio Silvio Berlusconi.

Ma l'Italia è mancata in una disciplina di cui fino a qualche anno fa era addirittura guida e riferimento vale a dire il CICLISMO SU PISTA, infatti se qualcuno ha voglia di andare a trovare quache articolo apparso sopratutto sui quotidiani sportivi dopo le Olimpiadi, nonostante l'ottima prestazione in tutte le discipline, sia responsabili del Coni che della Federciclismo hanno fatto notare questa "ASSENZA"dolorosa per il ruolo ricoperto negli anni passati dagli atleti azzurri.

E nonostante io non sia appassionatissimo di ciclismo ammetto che è un peccato aver perso una "Leadership"internazionale in uno sport così prestigioso in virtu' del fatto che sono stati molti gli Italiani a vincere le "SEI GIORNI"oppure a vincere allori olimpici nei velodromi del mondo,uno dei ciclisti Italiani piu' forti in questo ambito a mia memoria è stato Silvio Martinello.

Silvio MartinelloOra dopo questa premessa la domanda che sorge agli occhi di chi legge è :COSA VUOLE ARRIVARE A DIRE CHI SCRIVE?La risposta è molto semplice:COSTRUIAMO UN VELODROMO NELLA LOCRIDE.

Si deve partire da un presupposto doveroso:in Italia Velodromi al coperto non esistono e questo specie nelle stagioni invernali rende impossibile o molto difficoltosi gli allenamenti degli atleti che ancora si dedicano al ciclismo su pista,inoltre un Velodromo non è solo un impianto destinato al Ciclismo ma puo' essere sfruttato per concerti oppure nella sua parte centrale anche come campo di Basket,Volley e altri sport "al chiuso".E' verosimile ipotizzare che il sorgere di un Velodromo al chiuso,moderno e funzionale possa attirare numerose squadre di ciclismo e tanti atleti di questa disciplina a stabilirsi per un periodo ove questo velodromo viene eretto con innumerevoli vantaggi per l'economia del luogo visto tutto"il giro di affari"che le importanti associazioni sportive si portano dietro (i ritiri delle squadre di calcio ne sono un esempio),e anche a fine sportivo vista la presenza in territorio nazionale di grandi allenatori l'Italia puo' tornare ad avere il ruolo che con fatica negli anni aveva occupato e in poco tempo ha perso.

Questa idea non credo sia utopica perchè se il mondo politico realmente ci tiene allo sport (nella speranza che le feste non vi siano soltanto quando le cose vanno bene) un finanziamento per la realizzazione di quest'opera non dovrebbe essere difficile da ottenere ,a patto che logicamente chi propone il progetto lo faccia in modo serio e nel rispetto dei tempi previsti(e chissà questo potrebbe essere un modo per far vedere che anche nella Locride si riesce a rispettare i tempi e i modi concordati),magari piu' comuni della Locride si uniscono per portare avanti il progetto e sopratutto ci sia anche l'appoggio del Coni e della Federciclismo a livello regionale.

Altre strade non ne vedo perchè richiedere un finanziamento per lo sport alla Ue mi sembra inverosimile specie dopo il recente allargamento a 25 paesi,oppure un ipotesi utopica(forse questo articolo lo è)potrebbe essere una collaborazione tra PRIVATI e Pubblico (ma qui ho l'impressione che il discorso sia piu' articolato e complesso).

Ad ogni modo io credo che lo Sport possa essere una grande fonte di guadagno sopratutto in questo caso visto che si tratterebbe di un opera unica nel suo genere e potrebbe arrivare in un momento importante perchè se realmente Milano si candiderà per ospitare le Olimpiadi del 2016 il sorgere in breve tempo di un Velodromo associato alla possibilità di un simile evento potrebbe portare da noi numerosi atleti (sopratutto giovani visto che all'eventuale Olimpiade italiana mancano 12 anni)ad allenarsi per raggiungere il massimo risultato ai Giochi in Italia e per poi poter andare a festeggiare ancora al Quirinale o a Palazzo Chigi con i politici i quali potranno davvero ritenersi orgogliosi di quanto fatto per lo sport...

Forse come ho scritto su questa idea è molto difficile da realizzare ma è anche vero che tentar non nuoce del resto se non si compra il biglietto la lotteria non si vincerà mai e la nostra terra per migliorare e porsi all'attenzione dell'opinione pubblica in modo positivo deve anche iniziare ad "osare" e tirare fuori gli artigli anche in progetti che all'apparenza possono sembrare stravaganti.

Emilio Lupis

emilio.lupis@giovanilocride.net

Your rating: None Average: 2.5 (2 votes)